Midnight In Paris (2011) – The magic of modern cinema

British novelist Angela Carter once wrote: “The city also has gender: men London, Paris and New York woman is a transgender man adaptable.”

C’è qualcosa di indescrivibile sulla sua sensazione che vuota la luce del sole di mezzogiorno ha contribuito a calmare l’oro come miele europeo spudorato inclinato attraverso l’ombra di finestra degli antichi caffè e affollata.

Nei suoi sogni il mio giorno esiste una romantica Parigi come una ragazza di high school con vecchi boulevards alberati alberi, gli artisti di strada messo guida o fisarmonica tirare di amanti baciare fuoco brucia dimenticare la vita. O una tranquilla Venezia, età più vecchia di 40 anni, interlacciata con canali e gondole Praga donna amata affascinante di tutti gli angoli come integrità donna talento.

Nel suo sogno, se Woody Allen è un ragazzo che prende le foto e “Midnight in Paris” è un ritratto della ragazza che è stato portato a Parigi, ero in segreto innamorato del suo trotto solo attraverso quella piccola foto.

Allen apre il film con un clip di tre minuti di intro come un Best-of cartoline animate di siti bellissimi e più caratteristici della stella naturale di Paris – Paris nella suggestiva guida del jazz “Si Tu Vois Ma Mère” di Sidney Bechet. Questa è una canzone dedicata e ricorda Parigi, e viceversa, non mi chiedo perché sia ​​così semplice perché è una sensazione suscitata da forti forti non in grado di spiegare con parole.

A tre minuti l’aspetto pubblico è stato la Torre Eiffel, la Senna, gli Champs-Élysées, il mulino a vento Moulin Rouge con la rossa, la Cattedrale di Notre Dame, il Pont Alexandre III, la piazza Concorde, il Palazzo delle Tuileries, l’Arc de Triomphe, il Museo del Louvre , La caffetteria Fouquet’s, l’Opéra national de Paris, il Trocadéro quadrato, la linea della metropolitana numero sei … il paesaggio è giusto sfoglia le telecamere poste statiche mi ricorda l’apertura di cinque minuti a Manhattan nella musica di sottofondo Rhapsody in Blue (Gerschwin) Tipico dello stile di Woody Allen.

Parigi nel film giallo, irradiando una luce calda e suggestiva ogni scena: cielo nuvoloso, le strade lucenti che riflettono il sole, le case con antica pioggia architettonica o dolce come accarezzare il pedone … Una canzone d’amore scritta dal cuore per onorare Allen Bellezze reali di Parigi.

Sempre più ci sono lamentele e frustrazioni dei turisti di Parigi. Quale parte di questo è vero, ma penso che la ragione principale fu perché arrivavano in aspettative troppo alte Parigi. Anche la definizione del termine “viaggiatore” ha anche detto che tutto è andato come le persone scoprono e godono del mondo – quando vado in un posto completamente nuovo, non voglio farlo che i turisti cercano di fare un giro integrato e Atmosfera immersiva lì come altoparlante nativo per i commenti. Non necessariamente da parte dello stesso operatore che sovraccarica nei luoghi turistici.

Parigi non è la città della fata – perché la fata esiste solo nei film. Parigi è perfettamente bello e lei stessa ha molte cattive qualità ma è importante appendamento attraversato possiamo guardare al di là della bruttezza e aprire noi stessi alle cose più belle non lo sono.

Come io o te, il protagonista Gil (Owen Wilson suona) in “Midnight in Paris” di Woody Allen sempre turbato dalla bellezza di Parigi appassionata, amo Parigi nel secondo amore incondizionato di un nuovo ciechi ostili innamorati inciampati. Essendo uno scrittore romantico, Gil ama camminare sotto la pioggia e ha sempre sognato una bellissima Parigi più di un secolo fa. Ebbene, ogni essere umano tutti tendono più o meno nostalgici, ma la malattia è stata in Gil “pesante” rispetto ad altri un po ‘.

Lui e la sua fidanzata Inez (Rachel McAdams suonano) amano l’un l’altro, ma l’amore non può abbinare l’amore incondizionato là. Ruminates vede, Gil è una sceneggiatura scritta a mano in carriera di successo a Hollywood, ma non contento che il suo sogno è completare il suo primo romanzo il suo incompiuto – con la speranza di essere unito al trono la fama del grande scrittore americano.

Inez è l’opposto, una bionda ricca signora, pragmatica e blanda. Si diceva amanti a lungo termine che non hanno bisogno di condividere hobby, solo lo stesso odio le stesse cose. Ma due di loro non hanno condiviso bene la palla e non amano il contratto hobby – due mondi paralleli senza collisioni o punti di contatto. Quando guardo Inez e Gil, non mi chiedo mai che si romperanno, quello che mi chiedo è che due persone così diverse possano avere sentimenti reciproci per l’amore di prima e durata fino a questa ora.

Chiunque pensa ad un periodo di “oro” e vuole nascere, vivere per sempre nel tempo. Ma in realtà la storia è sempre più bella nella prospettiva degli occhi, poi realizza solo un’illusione nostalgica e nient’altro. Persone di qualsiasi età guardano anche alla nostalgia per immaginare, sfuggire alla realtà e la triste realtà ci tirerà indietro. Come Gil, anche se ha avuto successo nel lavoro e nella vita, ma si sente lottato, odia la realtà e pensa che dovete appartenere all’età dell’oro del giorno precedente. Purtroppo, quando il palcoscenico del venticinque anni Roaring, egli scioccò gli artisti qui presenti e vedendo in avanti disgustato ricorda la Belle Époque. Vai alla Belle Époque, gli artisti del tempo, giorno e notte, la grande seta rinascimentale era più profonda in passato.

4 Replies to “Midnight In Paris (2011) – The magic of modern cinema”

  1. But wanna remark on few general things, The website design is perfect, the subject material is really good : D. Boakmorking on everywhere for everyone i know. Many thanks!

  2. You really make it appear so easy along with your praenstetion however I in finding this topic to be actually something that I think I’d never understand. It seems too complicated and extremely broad for me. I’m having a look ahead for your next post, I will attempt to get the grasp of it!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *